sabato 20 febbraio 2016

Il Nuovo Evo.



c'è una linea sottile
che cresce fino a diventare un muro
dove le voci rimbalzano
e cadono in un vuoto senza eco
indotti a credere in un bene comune
mentre gli occhi rivelano
una verità diversa
così tanti buoni propositi
morbidi discorsi fluidi come miele
si appiccicano addosso fino a soffocarti
dove la logica si sposta
a seconda della convenienza
non so dove andare
mi sento tirare e spingere
da tutte le parti
la TV dice che in caso di uragano
l'occhio del ciclone è il posto più sicuro
è come nella vita
se vuoi pararti il culo
dallo schifo che ti piove addosso
devi starci in mezzo e crearlo
e non curarti di chi ci cade dentro
come uno sbirro con i suoi ordini
come un tossico nella sua ossessione
hai un lavoro da fare e lo fai
spogli da ogni bisogno
predicatori del nuovo evo
ma con le stesse menzogne di sempre
convincono ancora la gente
che andare contro la chiesa
e mettersi contro dio
ma non è vero niente
vendere superstizioni rende sempre
la gente ascolta solo
quello che vuole sentirsi dire
ironia così potente che ti ci affoghi
nervi tesi sempre pronti all'attacco
dormo poco la notte
ma non è mai stato un problema
certe crude sensazioni
sono più reali di altre
ma se conti i giorni
tutto è rimasto uguale
eppure sei invecchiato
e scopri sgomento
che ti sei trasformato
in quello che combattevi
lotti su troppi fronti
per troppo tempo
e resta solo una grande confusione
e ti ripari in un angolo
riprendi fiato e già sai
che appena esci allo scoperto
ricomincia tutto da capo.

icknos@nuovoevo.ciao.fook.com

Nessun commento:

Posta un commento