sabato 8 aprile 2017

INCUBO ART DECO.





cattive intenzioni e peggiori abitudini
istinti ferali per sopravvivere 
ambienti sempre più ostili
sentimenti di pietà
nascosti dietro barriere di indifferenza
nello sguardo arrossato
una furia bestiale 
che non puoi più celare
trattenuta a fatica
sangue amaro di bile
e peccati mai espiati
un altra storia di notte
a bassa definizione
luci sfocate dalla nebbia
affari illeciti dietro ogni angolo
o magari è solo immaginazione
corpi svuotati da ogni orgoglio
con la morale sempre più debole
un periodo drammatico
quando il sapere non ha più valore
ed il sapersi vendere
è la sola qualità richiesta
il servo fa lo sconto al padrone
ma rifiuta anche l'acqua
a chi non ha più forza per reagire
come in un incubo art deco
dove il superfluo
è l'unica cosa che conta
e non c'è più niente da capire
perché proprio
non c'è nessun messaggio
coriandoli in vortici di vento
rifiuti di tristi carnevali
e sempre più atroci quaresime
un paradiso distorto
la caduta degli angeli 
è ormai la norma
la tensione cresce
mentre continui a cercare
senza trovare
un senso a tutto questo
e va a finire
che finisci col dimenticare
che cazzo stavi cercando.


Poi ti svegli.


  icknos@artdecò's_incubus.ciao.FFFK.com

venerdì 11 novembre 2016

IL SOLE DELL'AVVENIRE.(alle spalle)





-Perdo i dettagli
un aspetto terribile e le mani non smettono di tremare
bere diventa sempre più difficile il giorno dopo
mi volto a guardare fuori dalla finestra
l'alba si fa spazio tra la pioggia pesante e dura
e i cani non smettono di latrare arrabbiati
sto diventando paranoico con gli anni
ricordo un tempo in cui domani sembrava troppo lontano
e ad ogni sogno ne seguiva subito un altro
e raggiungerli era importante quanto l'attesa
tutto il tempo perso che non è mai perso davvero
anche se avrei potuto usarlo in modo diverso
me lo dicono da sempre
sopratutto quelli che vivono vite che mai vorrei vivere
ma da sempre mi piaccio esattamente così come sono
e se ho un difetto è il non dare mai troppa importanza agli altri
una vena secca è come una porta chiusa
obbliga a cercare un altra via
stili di vita surreali vorrebbero essere d'esempio
peso le parole
troppo da dire e troppo poco tempo
quando le contraddizioni sono l'unica cosa che rimane
è il momento di farmi le domande giuste
e decidere al più presto come rispondermi
è frustrante vincere ogni battaglia
sapendo che sto perdendo la guerra
se appartieni alla strada è difficile interessarti ad altro
osservo i goffi tentativi
di uomini senza alcun valore
cercare di spiegare la loro visione
di una società piatta e noiosa
dove la cieca obbedienza è la cifra a cui ambire
ed io non mi so adattare e non lo voglio
spogliato di ogni ideologia del gioco rimane lo sporco
non ti puoi stupire che ad emergere sia sempre il peggio
neanche questa pioggia rabbiosa
che non accenna a smettere lo può ripulire
trascorro il tempo sempre più incazzato
a pianificare lucide strategie
ma non c'è nessun esercito alle mie spalle
disuniti e disperati continuate ad attaccare
come stupidi don quixote
i vostri personali mulini a vento
ed io ormai non provo più neppure pena
per la condizione in cui vi trovate
solo disprezzo e la consapevolezza
che una vita da servi è l'unica che vi meritate.


icknos@sunset.FECK.ciao.com 









venerdì 22 luglio 2016

SOPRAVVIVERE. (my own personal brexit)




atto III


SOPRAVVIVERE.(il sogno del guerriero).

il contrario di tutto
                               selvatico
sensazioni che sfuggono al controllo
soffusa
             ovattata poi
sempre più violenta
      waiting for a brain storm
progetti contorti
                           là
dove tutto è semplice
tutto si complica e non so dove andare
la gola asciutta
                         opportunità mai avute prima
ho bisogno di un codice
ho perso il mio bene più prezioso
la lingua
               che tanto bene mi aveva servito
levandomi indenne da ogni pasticcio
happy go lucky
                         they say
                        and i was
                           both
semplici giochi
diventano sfide contorte
                                       che io vinco sempre
lugubri rituali con candele
                                           limoni e polveri
e il mio cucchiaio preferito
per saziare le mie vene
 che
        urlano
                la mia
                              congenita insoddisfazione
e non c'è nulla di nuovo
                                       se non il fatto che nessuno
mi giudica per questo
non c'è notte nè giorno
sempre in movimento
avanti e indietro
                up and down
twentyfour/seven
frenetico e assolutamente eccitante
qualcosa ha ripreso a funzionare
                                                     nella mia testa
automa autonomo
convinto di essere padrone delle mie scelte
torno ripulito nella società
danneggiato
                     forse
ma sobrio e deciso per una volta a fare la mia parte
        e per
              un po'
                       ha funzionato
ero fuggito per sentirmi libero
ma in qualche modo mi ero legato da solo
cambiare routine
cambiare abitudini
cambiare amicizie
cambiare
                    cambiare cambiare
non serve a nulla
                             cambiare il contesto se tu resti uguale
edonismo e sesso a rischio la nuova droga
per saziare il mio ego
nella mia intonsa divisa da animale sociale
diventavo uno scontato clichè
del conformismo globale
                                                       omologazione
ovunque mi giro
tutti sembrano giocare allo stesso gioco
ed io non mi diverto più.


lunedì 18 luglio 2016

L' ARRIVO (my own personal brexit)



                  atto II

L' ARRIVO

come autistico congelato
                                     dai dettagli
immobile assorbo suoni ed odori
sapori e colori di genti diverse
indigeni di diversa cultura
poi senza pensarci un attimo
salto nel vortice delle emozioni
perdo i punti di riferimento
smetto di guardare la mappa
ed inizio a guardarmi attorno
         recido tutti i legami
                                     le abitudini
senza più niente che mi trattenga
scopro un mondo più vasto di quanto credevo
una realtà al di la delle aspettative
e non mi sento straniero
un mondo alternativo
dove ricreare
                      il consenso sociale
non ho più un passato
ma un solido presente da costruire
radiose metamorfosi
l'anima occidentale
                                si nutre
                                           di consumismo
col ventre gonfio di tranquillanti
                                                   e realtà virtuali.

sabato 9 luglio 2016

IL VIAGGIO DELLO SCIAMANO. (my own personal brexit)



atto I

allacciate le cinture si parte

THE SHAMAN.(o i perchè del viaggio).

difficile da classificare
realtà separate
percepite
più che vissute
all' ombra di entrate secondarie
risiede l'altro
che è
in ogni
uno
di
noi
onirico consapevole
si muove di sua volontà
tra le dimensioni di universi diversi
antichi veggenti
arcani indovini
i suoi maestri
in diretto contatto
con l'energia segreta che muove la vita
avide puttane avvelenano i loro figli
con promesse
che
non vogliono
mantenere
assorbiti dal condizionamento
sociale
e
collettivo
educati dalla nascita
ai paraocchi del conformismo
incapaci di vedere altre strade
pensare
con altre
parole

guarda dietro le apparenze
guarda dietro le apparenze
guarda come
uno
sciamano

schiavi di un telecomando
virtuale
che ti fa solo credere
di essere libero e
di
decidere
servi inconsapevoli
e anonimi
guidati da un pilota automatico
on
the
road to
nowhere
obbediamo al programma
per una misera illusione di identità
ti convinci di essere utile
perchè hai generato
nuova carne da mandare al
macello
e non è sadismo
solo
non conosci altro modo
nell'unica desolata dimensione
della
tua
realtà


guarda dietro le apparenze
guarda dietro le apparenze
guarda come
uno
sciamano

non ascoltare le sirene
non ascoltare
nessuno
se non hai imparato prima a
sentire
te
stesso
e percepire le diverse realtà
non c'è niente di scritto
non c'è niente che non si possa cambiare
cambia la coscenza
mentre annaspi
tra differenti livelli di esistenza
assorbi conoscenza
per aprire le porte ed essere libero
esci allo scoperto
consapevole di essere sfuggito
al gioco dell'omologazione
una realtà parallela
e separata
davanti agli occhi

reciti poemi all'immortalità.

martedì 28 giugno 2016

NO SERVICE (my own personal brexit)



Prologo.

ripristino comunicazioni
paracadute esistenziale
si apre in ritardo
ma serve comunque ad evitare danni irreparabili
a dirla tutta
io non ho mai conosciuto la povertà
è un esperienza che mi manca
ricco non lo sono mai stato
ma non so cosa vuole dire avere fame
voglio essere sincero
non ho progetti a lunga scadenza
e nemmeno la capacità per farli
siate pazienti
                              piano
una      cosa
                        alla volta
da quando ricordo
c'è sempre qualcuno
che mi spinge ad andare da qualche parte
ancora all'asilo
già vogliono sapere cosa farò da adulto
e per un po' ha funzionato
                  ho seguito la via che mi avete indicato
cosi
        tante 
                 informazioni
vale la pena di approfondirle tutte
ma qui
ti lasciano grattare
                               appena un po'
la superfice
avrò tempo
se la volontà mi sostiene
di scoprire da solo
                              il
                                 perchè
rispondono alle mie domande
ed io
        non vedo
                       più
la ragione
di sottopormi ad uno sforzo inutile
un inutile sofferenza
che uccide la curiosità
e fa marcire l'intelligenza


il percorso dell'omologazione si è inceppato
prima
        di accorgermi come
                                        ero già scappato.

giovedì 9 giugno 2016

SELFIE GENERATION.(look at you)


Under the surface searching for knowledge
catch the surreal in the everyday routine
a fucking waste of time
tell me something i don't know
look at you plastic society
I'm like an alien nobody can touch me
I have not sentiments concern or feelings
I'm cold as a stone in the graveyard
a man with an hungry monkey
sitting next to the gate
shivering under the sun
selling used flowers stolen from the dead
all you have got to do is follow the sign
the misteries are stripped away
from everything and everyone
it's not the order that novels are written
it's the order they're read that matters
shredded to bits
trying to make sense of all this
strike a pose like an insane child screaming
covered in bad ink
soothe my skin
mutual respect
oh how I need a change of clothing
who owns my soul
tripping in a shattered dream
things come and go
I should be glad for what is left
simply passing time without actually living
crosscheck any information
everybody is a liar nobody deserve trust
homesick of the wrong country
all come handy enough for a short period
but umbearable in the long run
ever get the feeling you have been cheated?
You know when you feel like
you are in a weird world
you mess with your mind a little bit
to see life from a different angle
if you can handle it
a inner struggle
I Am sick of people thinking I'm difficult.

icknos@IRatherHangMeSelf.ciao.FECK.com