mercoledì 22 aprile 2015

Inquietudine.(il prossimo giro).


Orazioni solenni e scarsa informazione
una donna illustre
una pettinatura costosa
che potrei migliorare pisciandoci sopra
incanta il suo pubblico
racconta le storie che vogliono sentire
non si cura se quello che dice è vero
non ha neppure bisogno di crederci
le importa solo che ci credano gli altri


il prossimo giro
il prossimo giro sarà diverso
ripete un eco nella mia testa
senza attenuare
la sensazione da pesce rosso
che di continuo mi sento addosso
è una certezza
il prossimo giro sarà lo stesso


una vita passata preparandoti a morire
pelle d'oca ma non è il freddo
non è l'emozione
inquietudine
è tutto così delizioso e perfetto
ordinato con logica assoluta da colori primari
piovono coriandoli su facce atterrite
quando i potenti draghi sembrano conigli
calano le palpebre pesate da troppi eccessi


il prossimo giro
il prossimo giro sarà diverso
ripete un eco nella mia testa
senza attenuare
la sensazione da pesce rosso
che di continuo mi sento addosso
è una certezza
il prossimo giro sarà lo stesso


acque inquinate nel sottosuolo
pioggia acida sulla pelle
la paura della fame rende stupidi
pronti ad accettare il veleno come unica cura
guarda con gli occhi del bambino di domani
capisci quanto è sbagliato
ma domani è lontano e qualcuno ci penserà
ho sempre avuto fortuna con le donne
nessuna mi ha ancora ucciso pur avendone l'occasione


il prossimo giro
il prossimo giro sarà diverso
ripete un eco nella mia testa
senza attenuare
la sensazione da pesce rosso
che di continuo mi sento addosso
è una certezza
il prossimo giro sarà lo stesso


                       icknos@nextround.ciao.fook.com


[ foto cristina rizzi guelfi ]






1 commento: